328/ B Ashokarama RD,
Adiambalama, Katunayaka
Sri Lanka.

info@igotosrilanka.com

Last posts from blog

GO UP
Amici del villaggio

5 Cose da fare quando viaggi con me in Sri Lanka

  1. Gli amici del villaggio
  2. So che che loro si incontrano sempre durante il pomeriggio nella risaia di mio nonno. Ormai mio nonno non c’è più quindi nessuno vuole coltivare il riso. Mi ricordo che mia nonna diceva spesso che quando non ci sarebbe stato più il nonno quella risaia sarebbe diventata un campo per giochi e infatti, così fu. Ora la risaia del nonno la usiamo per far volare gli aquiloni e giocare con gli amici del paese.
Amici del villaggioGli amici del villaggio

2. Roti con “lunu miris”, una salsa molto speciale 

Assomiglia un poco alla piadina romagnola. Ma molto più buona perché impasto contiene cocco grattugiato e un poco di burro chiarificato che preparava mia zia in casa. Mia nonna preparava colazione con questi “roti”. Lei li accompagnava con una salsa fatto con le cipolline di Jaffna, i peperoncini verdi, pezzettini di pesce secco delle Maldive, sale e limone. Il tutto aveva un profumo invitante e si sarebbe potuto mangiarne una tonnellata anche se era era molto piccante. Ora che non c’è più mia nonna li prepara mia madre.

Roti della mia nonna

Roti della mia nonna

3. Quando mangio piatti cingalesi preferisco mangiare con le mani

Non mi vergogno di mangiare con le mani. Questa è la mia tradizione. Non riesco ad apprezzare un bel piatto di riso con pesce con verdure senza toccare con le miei dita gli ingredienti e mescolarli bene prima di metterne in bocca un boccone alla volta. Mia nonna diceva che quando mangia con le mani si attivano tutte le cinque sensi. Lei non aveva certo preso una laurea a Oxford, ma sapeva un sacco di cose…

Sri Lanka mangiare con le mani con Peppe

Con Peppe mangiamo la colazione a Villa Daisy B&B

4. Curry di pesce con verdure e riso cingalese, non basmati

Mia nonna ha insegnato l’arte di cucinare a mia madre. Grazie a lei mia madre è veramente molto brava in cucina. Le spezie sono qualcosa di magico e mia madre è capace utilizzarli in modo più che adeguato. Bisogna dosare bene gli ingredienti e non solo abbinarli in modo equilibrato per non creare dei retrogusti strani. Mi è capitato tante volt provando a cucinare senza mia madre. Ogni spezia ha la sua personalità e quindi va abbinata con la giusta verdura, carne o pesce. Mia madre preparava tutto in casa e non ha mai voluto comprare cibi già pronti. La nonna diceva che una donna srilankese deve saper utilizzare le spezie e cucinare bene in modo che suo marito non la lasci mai!  

riso con le verdure fatto da mia madre

Riso con le verdure fatto da mia madre Daisy Perera

  1. ll budino della zia Manika

Mia zia Menika era in realtà una parente acquisita. Mia nonna aveva nove maschi e una femmina. La femmina era adottiva. Lo ho saputo da poco perché lei era più affettuosa di tutti gli zii della famiglia. Per sua sfortuna non aveva potuto andare a scuola, ma aveva imparato a cucire vestiti e preparare dolci per le feste religiose. Nel villaggio, se c’era qualche festa sia da un contadino che nel tempio buddhista, lei ci andava per supervisionare il lavoro delle altre donne, sempre assaggiando per verificarne il giusto sapore. Fin da piccolo, avevo cominciato a gustare questo ottimo dolce srilankese.   “Il budino di miele di cocco” fatto dalla zia Menika era straordinario davvero.

    

Budino di miele di cocco

Budino di miele di cocco

Instagram